Luna calante: cos’è e come funziona

Nel vasto universo dell’agricoltura e del giardinaggio, la luna calante riveste un ruolo chiave, influenzando da millenni le pratiche di semina e coltivazione. Ma cos’è esattamente la luna calante e come influisce sulle piante? Questo articolo esplorerà il fenomeno della luna calante, svelando come le sue fasi influenzino il ciclo di vita delle piante e come possiamo sfruttare questa antica conoscenza a nostro vantaggio.

La luna calante è una delle quattro fasi principali del ciclo lunare, caratterizzata da una diminuzione della sua visibilità notturna. Durante questa fase, che segue il plenilunio e precede la luna nuova, si verifica un fenomeno affascinante che ha catturato l’attenzione dell’uomo fin dalla notte dei tempi. Tradizionalmente, si ritiene che la luna calante abbia un impatto significativo sullo sviluppo delle piante, influenzando l’assorbimento dei nutrienti e la crescita delle radici. Ma quali sono le basi scientifiche di queste credenze? E come possono giardinieri e agricoltori moderni utilizzare le fasi della luna per ottimizzare le loro colture?

Attraverso questo articolo, approfondiremo il concetto di luna calante, esaminando come le sue caratteristiche uniche possano essere utilizzate per migliorare le pratiche agricole e giardinaggio. Dall’identificazione del momento migliore per seminare, trapiantare e potare, fino alla comprensione di come la luna influenzi il comportamento delle piante, questo pezzo offre una guida completa per chiunque desideri armonizzare le proprie attività agricole con il ritmo naturale dell’universo.

Quando è la luna calante

La fase lunare conosciuta come luna calante si verifica quando la luna diminuisce man mano che si avvicina alla fase di Luna Nuova. Durante questo periodo, l’energia lunare è considerata ideale per lavori di semina e trapianto che coinvolgono piante che producono radici, in quanto si ritiene che la forza gravitazionale decrescente della luna favorisca la crescita verso il basso delle radici delle piante.

In base al calendario lunare, la luna calante si verifica dopo la fase di Luna Piena e precede la Luna Nuova. È un momento in cui molti giardinieri preferiscono dedicarsi alle attività agricole legate all’orto e al giardinaggio. Si ritiene che le piante siano particolarmente sensibili alle fasi lunari e che lavorare in armonia con il ciclo lunare possa portare benefici tangibili alle coltivazioni.

Cosa significa luna calante

La luna calante, in ambito agricolo e botanico, indica la fase in cui la luna passa dalla piena luce alla sua fase oscura. Questo periodo è considerato ideale per effettuare operazioni di semina, in particolare di piante sottili e radici poco sviluppate. Durante la luna calante, è consigliabile seminare verdure a foglia come spinaci, lattuga, rucola e prezzemolo. Inoltre, è il momento opportuno per piantare piante da frutto a crescita rapida, come zucchine, cetrioli e fagioli, che beneficeranno dell’influsso della luna per una crescita più rigogliosa e vigorosa.

Per sfruttare al meglio l’energia della luna calante, è consigliabile orientarsi verso la semina di piante annuali che richiedono una crescita rapida e che producono raccolti abbondanti. Le piante coltivate in questo periodo tendono ad avere radici più forti e sviluppate, grazie alla maggiore forza di gravità esercitata dalla luna in fase calante. Sfruttando al meglio questa fase lunare, si favorirà la germinazione e la crescita delle piante, ottenendo così migliori risultati nel raccolto e nella produzione agricola.

Quando inizia la luna calante

Quando ci troviamo nella fase della luna calante, che inizia immediatamente dopo il plenilunio e continua fino al raggiungimento del novilunio, si verifica una progressiva diminuzione della luminosità notturna. Questo periodo è tradizionalmente interpretato come una fase di energia decrescente, in cui si crede che la vitalità terrestre si riduca, influenzando direttamente le pratiche agricole e giardinaggio. La credenza popolare asserisce che, durante la luna calante, l’energia delle piante si ritiri verso le radici, rendendo questo momento particolarmente adatto per le attività di potatura e di eliminazione delle erbe infestanti, che dovrebbero beneficiare di un recupero più veloce e di un minor rischio di stress per le piante.

In questa fase, è consigliabile evitare di seminare o di procedere al trapianto di piante orientate alla produzione di frutti o fiori. La convinzione è che, a causa della supposta retrazione dell’energia verso le parti sotterranee delle piante, ci possa essere un impatto negativo sulla crescita aerea e sulla fruttificazione, con possibili compromissioni nello sviluppo e nella qualità dei prodotti.

Al contrario, la luna calante è vista come il periodo ideale per intraprendere lavori di manutenzione nel verde, quali appunto le potature e gli sfoltimenti. Si ritiene che le piante siano in grado di guarire più efficacemente dalle ferite inflitte da questi interventi, grazie alla minore attività svolta sulle parti aeree e al maggiore richiamo di risorse verso le radici, che favorirebbe un processo di guarigione più rapido e meno suscettibile a infezioni o malattie.

In aggiunta, il calendario lunare è un riferimento prezioso per chi pratica l’agricoltura seguendo i ritmi naturali. Mentre la luna crescente è associata a una maggiore fertilità del terreno e a un incremento dell’attività vegetativa e di crescita delle piante, la fase calante è idealmente riservata agli interventi di cura e di riposo per il giardino o per l’orto. Questo approccio ciclico mira a sfruttare le varie fasi lunari per ottimizzare le condizioni di crescita delle piante e la produttività agricola, armonizzando le attività umane con i ritmi naturali del nostro satellite.

Cosa si semina in luna calante

Nel contesto agricolo, la sincronizzazione delle attività di semina con le fasi lunari rappresenta un’antica pratica che ancora oggi molti coltivatori seguono con attenzione, soprattutto per quanto riguarda il periodo della luna calante. Durante questa fase, caratterizzata da una luce lunare che gradualmente diminuisce fino al nuovo ciclo, si tende a favorire la semina di specie vegetali che sviluppano le loro parti edibili sotto la superficie del terreno.

La credenza popolare sostiene che, a causa di una presunta minore influenza gravitazionale esercitata dalla Luna in questa fase, le piante tendano a concentrare energia e risorse nello sviluppo delle radici. Di conseguenza, colture radicose come patate, carote, barbabietole e cipolle, per citarne alcune, vengono considerate ideali per la semina in questo periodo, poiché si ritiene che possano sviluppare sistemi radicari più profondi, forti e ramificati.

Oltre alle colture radicose, la luna calante è considerata un momento propizio anche per la semina di ortaggi a foglia. La teoria alla base di questa pratica suggerisce che, durante questa fase lunare, le piante siano più ricettive nell’assorbimento di nutrienti dal suolo, fattore che favorirebbe una crescita più rigogliosa e una maggiore resistenza a malattie e parassiti. Lattuga, spinaci, cavoli e bietole sono esempi di ortaggi che si ritiene possano beneficiare enormemente di una semina in luna calante, grazie alla loro tendenza a sviluppare foglie più grandi e nutritive.

È tuttavia sconsigliato procedere alla semina di piante fruttifere o floreali in questa fase lunare. La credenza popolare afferma che, a causa della luna calante, la linfa delle piante si concentri maggiormente verso le radici anziché disperdersi verso fiori o frutti, il che potrebbe compromettere lo sviluppo ottimale di queste ultime parti. Pertanto, attività come la semina di pomodori, zucche, piselli o la piantagione di fiori decorativi vengono generalmente posticipate in attesa di fasi lunari ritenute più favorevoli al loro sviluppo, come la luna crescente o piena, dove si presume che l’influenza gravitazionale lunare faciliti un miglior sviluppo aereo delle piante, promuovendo la crescita di fiori e frutti.

Cosa trapiantare in luna calante

Durante la fase di luna calante, che è caratterizzata da una diminuzione della luminosità lunare, le condizioni si rivelano ideali per il trapianto di alcune specifiche categorie di piante nell’orto. Questo momento è particolarmente propizio per quelle piante che beneficiano di un ambiente meno stressante per adattarsi al nuovo contesto e sviluppare robuste radici nel terreno in cui vengono trasferite.

Per quanto riguarda gli ortaggi a radice, come carote, ravanelli e patate, la luna calante è considerata il momento ottimale per il loro trapianto. La credenza popolare sostiene che la fase lunare influenzi positivamente la crescita radicale, incoraggiando lo sviluppo di un apparato radicale ben strutturato e forte. Questo non solo aiuta le piante a stabilizzarsi meglio nel loro nuovo ambiente, ma favorisce anche una crescita equilibrata dell’intera pianta.

Anche il trapianto di erbe aromatiche trova un momento favorevole in questa fase lunare. Piante come lavanda, timo e menta sono esempi eccellenti di colture che si possono trapiantare con successo durante la luna calante. La ragione di questa preferenza risiede nella capacità delle piante di subire meno stress da trapianto, grazie alla minor quantità di luce solare che ricevono in questo periodo, che a sua volta riduce il rischio di disidratazione e favorisce un adattamento più dolce al nuovo ambiente.

È fondamentale, però, non trascurare la preparazione del terreno prima di procedere al trapianto. Assicurarsi che il suolo sia ben lavorato, ricco di sostanze nutritive e idoneo alla tipologia di pianta da trapiantare è essenziale per garantire una buona presa delle radici e uno sviluppo vigoroso. Dopo il trapianto, è importante anche fornire alle piante le cure adeguate, come l’irrigazione necessaria e la protezione da eventuali sbalzi di temperatura, per assicurare che le nuove arrivati si radichino correttamente e prosperino nel loro habitat.

Quando è la luna calante?

La luna calante si verifica quando la luna si trova in una fase decrescente, ovvero quando la sua luminosità diminuisce.

Che significa luna calante?

La luna calante è considerata una fase favorevole per alcune attività agricole, in quanto si ritiene che influisca sullo sviluppo delle piante.

Quando inizia la luna calante?

La luna calante inizia subito dopo la fase di luna piena e si protrae fino alla fase di luna nuova.

Cosa si semina in luna calante?

In luna calante è consigliabile seminare piante che producono frutti o radici, in quanto si ritiene che sia il momento migliore per favorirne lo sviluppo.

Qual’è la Luna buona per seminare?

La luna crescente è considerata ideale per la semina di piante che sviluppano la loro parte commestibile sopra il terreno, in particolare quelle che fioriscono, poiché si crede che la luce crescente della luna incoraggi la crescita aerea e il vigoroso sviluppo di fiori e frutti.

Al contrario, durante la luna calante, quando la luminosità lunare diminuisce, la tradizione sostiene che l’energia delle piante si dirigerebbe verso il basso, concentrandosi sulle radici e favorendo un ambiente ideale per la semina di vegetali che formano radici o bulbi. Ecco perché in questa fase si consiglia di seminare ortaggi come basilico, bietole da costa, cavoli, cicorie, lattughe da cappuccio, cipolle, indivie, scarole, finocchi, sedano, spinaci e valeriana.

In sintesi:

  • Per piante con parti edibili sotterranee (radici, bulbi): semina durante la luna calante per favorire lo sviluppo delle radici.
  • Per piante con parti edibili aeree (foglie, fiori, frutti): semina durante la luna crescente per stimolare la crescita e lo sviluppo delle parti aeree.

Anche se le prove scientifiche a sostegno di questa pratica sono limitate, molti giardinieri e agricoltori continuano a seguire il calendario lunare per le loro attività di semina, testimoniando aneddoti di successo e tradizioni tramandate di generazione in generazione.

Cosa trapiantare in luna calante?

In luna calante è consigliabile trapiantare piante che producono frutti o radici, in quanto si ritiene che la fase decrescente della luna favorisca la crescita delle radici.

Calendario Luna Calante 2024

Il calendario della luna calante per il 2024, organizzato per favorire le attività di semina seguendo le fasi lunari, è il seguente:

Gennaio 2024

  • Luna calante: 1°-10 gennaio, 26-31 gennaio

Febbraio 2024

  • Luna calante: 1°-8 febbraio, 25-28 febbraio

Marzo 2024

  • Luna calante: 1°-9 marzo, 26-31 marzo

Aprile 2024

  • Luna calante: 1°-7 aprile, 25-30 aprile

Maggio 2024

  • Luna calante: 1°-7 maggio, 24-31 maggio

Giugno 2024

  • Luna calante: 1°-5 giugno, 23-30 giugno

Luglio 2024

  • Luna calante: 1°-6 luglio, 22-31 luglio

Agosto 2024

  • Luna calante: 1°-3 agosto, 20-31 agosto

Settembre 2024

  • Luna calante: 1°-2 settembre, 19-30 settembre

Ottobre 2024

  • Luna calante: 18-30 ottobre

Novembre 2024

  • Luna calante: 16-30 novembre

Dicembre 2024

  • Luna calante: 16-29 dicembre

Queste date rappresentano i periodi ideali per il trapianto e la semina di piante che beneficiano di una fase di luna calante, come le piante radicose e alcune erbe aromatiche. Durante la luna calante, l’energia si concentra sulle radici, favorendo un più forte sviluppo sotterraneo. Ricordate di consultare fonti affidabili per le date specifiche relative alle varie fasi lunari, poiché possono variare leggermente a seconda della localizzazione geografica.

Lascia un commento